Si pubblica con oscuramento dei dati l’ordinanza della Corte di appello di Roma, sez. Famiglia, di data 21 giugno 2017.

Vedi il comunicato stampa.